Còre, Da lontano

Se fos normâl

Se fos normâl
‘e audarés al vint
a scrîve poesies
sui tiô cjavei.
Descolz
su l’aga de Andrèes
in cercja de la sorgent.
E a la sera
cjocs de luna
cencja mai stufâsse
da gosâ al nostre amour.
E po’ sui arbi
in cercja de nîtz,
sui lavres un vier.
Se fos normâl
e sunarés
dute’ li cjampanes.
E po’ via
pa’ chî prâtz
e deventâ
flours
âs
e
la meil. 

tavan

Se fossi normale

Se fossi normale
aiuterei il vento
a scrivere poesie
sui tuoi capelli.
Scalzo
nell’acqua di Andreis
in cerca della sorgente.
E alla sera,
ubriachi di luna,
senza mai stancarsi
di gridare il nostro amore.
E poi sugli alberi
in cerca di nidi,
sulle labbra un verme.
Se fossi normale
suonerei
tutte le campane.
E poi via
per i prati
a diventare
fiori
api
e
miele.

Federico Tavan, Cràceles cròceles

Standard
Còre, Corpo, Nord-est, Rumore

Utilità alternative dello sport

Per diversi anni, quando ero in Friuli, ho fatto giri in bicicletta nelle campagne attorno casa mia. Il percorso era sempre quello, a spanne quindici chilometri tra i campi di pannocchie, i prati, le strade che diventavano ciottoli e mi facevano vibrare il culo e i parafanghi. La bicicletta è bella e lo sono anche la solitudine e la natura. A volte arrivavo in un parco, mi sedevo sotto un albero e leggevo — una volta in particolare dei numeri di AVAJ trovati a una fiera di fumetto. Una goduria.

In questi giorni, invece, mi sveglio presto e vado a camminare. Faccio un percorso più breve, ma sempre nel verde. Arrivo a una chiesetta dove trovo sempre qualche gatto, per poi infilarmi in una via lunga e curvilinea in mezzo all’erba alta. Ho visto una farfalla gigantesca qualche giorno fa, e un muro di pannocchie verdi che a guardarle a lungo parevano una jungla alla Apocalypse Now. Il motivo principale per cui in questi giorni cammino al posto di andare in bici è che riesco a cantare meglio, con più voce. Finora ho cantato quasi per intero There’s nothing wrong with lovePerfect from now on dei Built to Spill, Sultans of sentiment dei Van Pelt e You’re living all over me dei Dinosaur Jr. Tutto questo per dire che non avete idea di quanto sia bella la faccia degli sportivi mattinieri, dei diffidenti residenti e delle vecchine in bicicletta a incrociarmi mentre urlo con pathos I’ll be doooown, I’ll be aroooound, I’ll be haaanging where eventually you’ll have to beeee.

Standard